LICEO  SCIENTIFICO   "PIETRO  PALEOCAPA"

ROVIGO



ARCHIVIO DI BUONE PRATICHE DIDATTICHE

Se c’è qualcosa che resta della Scuola nell’epoca della sua evaporazione indisciplinare, è il rapporto del soggetto col sapere che la funzione dell’insegnante deve essere in grado di animare.

La partita della Scuola continua nonostante tutto a giocarsi essenzialmente a questo livello.[…] ciò che resta della Scuola non è forse la possibilità, ogni volta nuova, di trasformare gli oggetti del sapere in oggetti del desiderio? In corpi erotici? […]

Rendere il sapere un oggetto in grado di muovere il desiderio, un oggetto erotizzato capace di funzionare come causa del desiderio, in grado di spostare, attivare verso, mettere in movimento l’allievo. […]

[Racconta Massimo Recalcati la celebre apertura del Simposio di Platone: Agatone ha preparato un banchetto e attende Socrate che però è in ritardo perché, rapito dal demone, si è ritirato a meditare; quando Socrate arriva Agatone vuole sedergli accanto per beneficiare del travaso del sapere del maestro, illudendosi di poterne essere riempito.]

Volendo possedere il sapere di Socrate, Agatone si pone come l’amante attraversato dalla mancanza, come un ‘erastes’ che ricerca quanto non ha nella pienezza dell’oggetto amato […]. Tuttavia egli non assume sino in fondo la verità del sapere, ovvero il fatto che nessun sapere è in grado di dire la verità. Per questo resta passivo accontentandosi di ricevere il sapere dell’Altro.

È illusione che abita ogni scolastica: abbeverarsi al sapere già costituito del maestro o dei maestri…

(Recalcati M., 2014, L’ora di lezione, Torino, Einaudi, pp. 37-38)

Questa sezione del sito del Liceo Scientifico “Pietro Paleocapa” di Rovigo presenta alcuni esempi di “buone pratiche didattiche”: si tratta di Unità di Apprendimento (UdA), di percorsi di studio e di approfondimento realizzati in diversi ambiti (accoglienza delle classi prime, concorsi locali e nazionali, sperimentazioni di ricerca-azione, approfondimenti tematici, ricerche,,,) che presentano come metodologia di base la centralità dello Studente nell’apprendimento-insegnamento, l’uso di tecnologia informatica e multimediale, lo sviluppo dei percorsi attraverso la comprensione (di testi, fenomeni, regole, problemi, temi e argomenti), l’analisi, la riappropriazione attraverso indagine e riflessione, l’interpretazione critica e la sua esposizione in sintesi anche attraverso strumenti multimediali.

L’archivio docimologico contiene solo in minima parte delle pratiche di insegnamento-apprendimento diffuse nel Liceo e condivise in seminari di formazione e attività durante l’anno scolastico.


Pagine Correlate